Il NAD, il primo integratore che chiunque dovrebbe prendere per un trattamento antiage, per l’antiinvecchiamento, e che e’ completamente sconosciuto in Italia

E’ sorprendente come nel nostro paese nessuno sappia del NAD il Nicotinammide Adenina Dinucleotide: e’ una molecola particolare con un nome difficile; non c’entra niente con la nicotina, quindi non e’ che fumando uno assume questo integratore, anzi, e’ tutto l’opposto ed e’ qualcosa che nel nostro paese pero’ e’ completamente sconosciuto

Se ne parla e la gente dice: “eh cosa?”

Se parli di Metformina, se parli di Curcumina, se parli di vitamina D o di queste cose qui piu’ o meno diverse persone sanno di cosa stai parlando; quando parliamo del NAD invece nessuno sa nulla

Nel mondo medico, avendo studiato il metabolismo dei Mitocondri, dove esso e’ coinvolto nella produzione dell’ATP, della molecola fondamentale che e’ l’unita’ di misura, il kilowattora del nostro organismo, allora qualcuno si ricorda che c’era questa molecola coinvolta nei processi, specialmente quelli della catena di trasporto elettronico, ma il fatto che ce ne sia o non ce ne sia, che possa andare degradando, diminuendo eccetera… nessuno ne ha la piu’ pallida idea

E’ sorprendente perche’ in realta’ frequentando gli eventi antiage, quindi tutti gli eventi che riguardano l’antiinvecchiamento, i trattamenti e le cure, il NAD viene fuori fra le primissime cose assolutamente da prendere, assolutamente indispensabili

Senza quello l’organismo praticamente non ha energia, senza energia non funzionano un sacco di cose, a cominciare dal sistema immunitario

Ovviamente chi ha livello bassi di NAD si e’ beccato piu’ malattie di vario genere, anche recenti, e quindi sembra sorprendente che non se ne parli

Forse e’ perche’ non e’ da molti anni che e’ entrato al centro dell’attenzione e si e’ notato quali sono i livelli di NAD nel sangue nel tempo

E’ una molecola, come abbiamo detto, estremamente importante

E’ coinvolta innanzitutto, come abbiamo visto nel capitolo sui Mitocondri, nella produzione dell’energia all’interno dei Mitocondri stessi, che ci ricordiamo sono un po’ le centrali elettriche della nave da crociera, che e’ il parallelo del nostro corpo

Senza NAD e’ come se non ci fosse non tanto il gasolio da bruciare nel generatore elettrico della nave, ma come se non ci fosse l’olio

Senza olio a lungo andare i motori si grippano e quindi sappiamo tutti che e’ indispensabile, no?

Questo NAD e’ dappertutto e siccome e’ piuttosto abbondante la natura lo ha utilizzato per tante cose diverse

Quindi dobbiamo pensare alla molecola del NAD un po’ come un tuttofare, come quei signori che sono magari appunto dentro l’equipaggio della nave e sono chiamati ai piu’ svariati compiti, perche’ se la cavano un po’ dappertutto: sono bravi a riparare qualunque cosa, danno sempre una mano, sono personaggi molto energetici e molto positivi

Ecco, il NAD e’ un po’ cosi’: e’ una molecola molto diffusa ed e’ stata utilizzata nei metabolismi in natura per un sacco di cose diverse

Essenzialmente a’ una molecola che consiste di due nucleotidi che sono tenuti insieme da gruppi fosfato; un nucleotile contiene una base adenina e l’altro una nicotinammide e da qui viene il nome appunto Nicotinammide Adenina Dinucleotide

Se perdessi tutto il NAD del tuo corpo saresti morto in trenta secondi netti, pensa quanto e’ importante per l’organismo!

E’ prodotto naturalmente nel corpo a cominciare dall’aminoacido Triptofano; dopo un po’ di passi di elaborazione e’ convertito nella sostanza NAD che e’ molto utilizzabile, ma il processo e’ lento e quindi all’aumentare della richiesta di questo tipo di molecola il corpo comincia a fare qualcos’altro

La parte piu’ importante di tutte sono i percorsi metabolici di recupero: all’interno di ogni cellula c’e’ tutto un percorso metabolico, una serie di reazioni chimiche mediate ed attivate da una serie di enzimi ben definiti, che fanno si’ di recuperare i pezzi del NAD, come fosse l’olio bruciato della macchina, e farlo ritornare a essere “olio nuovo, olio fresco”; anzi, il meccanismo di recupero e’ quello che ne produce di piu’, come “chilogrammi al giorno”, rispetto ai meccanismi normali di produzione che sono molto lenti

Oltretutto, la molecola e’ grossa e ha difficolta’ a passare, se mai ci riesce, dalle membrane cellulari, dato che la cellula e’ anche un po’ una specie di fortino chiuso e quindi infilare cose dall’esterno e’ difficile; e’ piu’ facile che all’interno del microcosmo della cellula le cose che sono gia’ dentro “girino” piu’ facilmente.

Dove viene utilizzato nel corpo?

Viene utilizzato in un sacco di processi: prima di tutto la produzione di energia nei Mitrocondri; la mancanza di NAD riduce la reazione chimica che produce l’ATP, l’energia, nei Mitocondri che a loro volta sono nel cuore delle cellule e quindi mancanza di NAD vuol dire mancanza di ATP e mancanza di energia; si spengono quindi delle cose, a cominciare dal sistema immunitario.

Ma il NAD e’ una molecola cosi’ flessibile, cosi’ utilizzabile, che viene smontata e i singoli pezzi vengono utilizzati in un sacco di reazioni diverse dell’organismo.

Come abbiamo visto nel capitolo riguardante i meccanismi di riparazione del DNA, il NAD gioca un ruolo fondamentale perche’ fa da “collante”, essenzialmente, in una serie di reazioni chimiche che servono a recuperare il funzionamento di DNA danneggiato.

Abbiamo visto che il DNA si danneggia tutti i giorni, continuamente, quindi avere un meccanismo che lo ripari e’ del tutto fondamentale, perche’ lasciare il DNA non riparato vuol dire che la cellula smette di funzionare, perche’ viene tenuta spenta finche’ c’e’ il guasto, fino a che non e’ riparato; oppure la cellula riprenda a funzionare con un DNA guasto e quindi succede che puo’ diventare una cellula tumorale, per esempio, e puo’ creare dei grossi problemi, oppure come minimo una cellula senescente che abbiamo visto sta li’, da’ fastidio, non si toglie di torno e quindi crea dei problemi.

Che succede a questa serie di meccanismi?

Come abbiamo visto all’aumentare dell’eta’ questi meccanismi diventano sempre piu’ importanti e quindi il NAD e’ sempre piu’ utilizzato, c’e’ sempre piu’ bisogno di lui perche’ il DNA si danneggia piu’ di frequente, deve essere riparato piu’ di frequente, quindi ce ne vuole di piu’ e ad un certo punto c’e’ una serie di meccanismi all’interno dell’organismo che se lo contendono; e’ come se ci fosse poco olio lubrificante sulla nave: ne rimangono poche casse e quindi ogni singolo litro di olio che c’e’ se lo contendono un po’ i generatori, un po’ il reparto manutenzione, perche’ serve a tutti.

Ad un certo punto e’ come se si dicessero “ne vuoi 10 litri, te ne posso dare solo 5”; e quello e’ un bel problema, perche’ con l’aumentare della richiesta del NAD con l’aumentare dell’eta’, contemporaneamente dall’altra parte, come tante cose della vita (cio’ che va male, ci dice legge di Murphy, di solito lo fa nel modo peggiore possibile) nel caso del NAD cio’ che succede e’ che la quantita’ disponibile nelle cellule decresce drammaticamente.

Praticamente il NAD si dimezza, come quantita’ disponibile, ogni 20 anni di vita e questo comincia alla nascita; quindi appena nato hai il 100 per cento del NAD, sei bello pimpante, sei un bambino e appena puoi corri e sei pieno di energia; a vent’anni hai gia’ la meta’ del NAD che avevi quando sei nato, a 40 hai la meta’ della meta’ e cosi’ via.

Ogni vent’anni diminuisce della meta’, quindi capite bene che rapidamente diventa troppo poco.

Il problema non e’ tanto che mancano le sostanze di partenza per farlo, perche’ in realta’ ce ne sono abbastanza a disposizione, chiaramente dipende anche molto dalla dieta, perche’ le sostanze che sono precursori del NAD, cioe’ servono all’organismo per sintetizzarlo, sono varie forme di vitamina B3 come l’acido nicotinico, il nicotinammide, il nicotinammide riboside e altre sostanze del genere che si trovano nella dieta.

E questo che effetti ha a lungo termine?

Possiamo vederli molto facilmente in un particolare tipo di malattia, dove la mancanza di NAD diventa pesante e produce degli effetti veramente drammatici: questa malattia e’ la Pellagra.

Tipicamente la Pellagra e’ una malattia che era determinata in passato da una dieta troppo povera, da una mancanza di vitamine, e tipicamente produce una serie di effetti molto negativi: la diarrea, la dermatite, la demenza e alla fine anche la morte, quindi una mancanza di NAD e’ una cosa molto brutta.

La cura per molti anni della Pellagra e’ stata bere latte; non sapevano perche’; si e’ visto poi nel 1937 che il latte non pastorizzato contiene una grande quantita’ di nicotinammide; il 60 per cento di nicotinammide e il 40 per cento di nicotinammide riboside; in questo modo puo’ ribaltare questa deficienza della Pellagra.

Un’altra storia gustosa e’ questa: a un certo punto sulle navi che dovevano stare in mare per lunghi periodi di tempo mancava certamente la possibilita’ di avere delle arance o di avere il latte fresco; ci si portavano le mucche, certe volte, ma certamente non bastavano per tutti, se no la nave diventava una stalla di mucche.

Tipicamente una soluzione si era trovata col portare crauti.

I crauti pero’ non piacevano all’equipaggio, li trovavano orribili come gusto e quindi tendevano a non mangiarli e ammalarsi comunque.

E’ rimasta famosa la tecnica che ha lanciato un comandante di nave inglese che fu poi copiata e diffusa all’interno dell’ammiragliato fra tutti i comandanti: come facciamo a far mangiare i crauti orribili e cattivi all’equipaggio?

Hanno caricato grandi quantita’ di crauti sulla nave di questo comandante molto astuto e poi lui ha messo questa regola che la potevano mangiare questa cosa soltanto il comandante e gli ufficiali alla mensa degli ufficiali; l’equipaggio no.

Istantaneamente e’ diventata una cosa che tutti volevano mangiare!

“ma come? C’e’ soltanto per il comandante? La vogliamo mangiare anche noi!”.

Trasformandola in qualcosa che era dedicata soltanto a quelli di alto livello e’ diventata una cosa che tutti volevano; questo trucco psicologico che si usa anche spesso nel marketing ha funzionato perfettamente ed ha salvato molti equipaggi dalla Pellagra.

Dopo il discorso dei precursori possiamo fare il discorso di cosa succede effettivamente all’interno della catena di trasporto elettronica dei mitocondri: il NAD e’ continuamente convertito avanti e indietro in due modalita’ specifiche della sostanza: il NAD+’ e il NADH.

Infatti normalmente quello che si trova in giro e’ il NAD+ (o plus come dicono nel mondo anglosassone), quindi trovate scritto NAD+.

Perche’ si parla di NAD+?

Perche’ essenzialmente e’ la parte attiva del NAD, e’ un agente ossidativo perche’ puo’ accettare elettroni da altre molecole e quando li accetta viene poi ridotto e diventa NADH; quindi c’e’ la reazione continua NAD+ che diventa NADH e poi dona un elettrone e torna a NAD+.

Questa reazione va avanti e indietro continuamente; ci sono diversi percorsi metabolici che sono attivati o comunque regolati dalla quantita’ di NAD+, per quello se ne parla molto.

Piu’ correttamente dal rapporto fra NAD+ e NADH: questo rapporto fra i due e’ un numero che entra in un sacco di reazioni particolari all’interno del metabolismo cellulare.

C’e’ un altro gruppo di geni e di proteine di cui abbiamo parlato: sono quelli delle Sirtuine che sono molto legate al NAD.

Abbiamo visto che le Sirtuine fanno una serie di cose importantissime per la salute e per la longevita’ e in tutti questi processi particolari il NAD e’ fondamentale come un cofattore: viene destrutturato e ricostruito all’interno delle reazioni controllate e gestite delle Sirtuine.

Abbiamo detto che l’attivita’ delle Sirtuine diminuisce con l’eta’ e questo porta ad una serie di effetti tipici dell’invecchiamento; ci sono state delle ricerche recenti che suggeriscono che il declino del NAD e’ quello che e’ responsabile per la perdita di attivita’ delle Sirtuine.

Ricordiamo che le Sirtuine sono numerate da 1 a 7, sono delle lisine e sono legate alla risposta all’esercizio e alla dieta; la sirt1 e’ la piu’ importante e sappiamo che la sua attivita’ fa si di aumentare la durata della vita e se viene espressa in quantita’ adeguate ha degli effetti molto importanti perche’ protegge dalla sindrome metabolica, dalle malattie cardiovascolari, dal cancro e dalla neuro degenerazione (malattie come il parkinson e l’alzheimer).

L’attivazione delle Sirtuine aumenta anche il percorso metabolico degli antiossidanti chiamati SOD2 e quindi facilita poi la riparazione del DNA e aumenta l’efficienza metabolica.

Una riduzione dell’attivita’ della Sirt1 e’ grave perche’ riduce tante cose che sono utili, come per esempio la biogenesi dei Mitocondri, cioe’ la creazione di Mitocondri nuovi, il metabolismo ossidativo, le difese antiossidanti e il funzionamento generale quindi dei mitocondri che sappiamo producono un sacco di sostanza ossidative nella loro normale attivita’.

Il NAD e’ coinvolto nel mondo delle Sirtuine anche per una cosa importante chiamata Comunicazione Intracellulare, la comunicazione che c’e’ fra il Nucleo e i Mitocondri.

Ci sono delle sostanze che sono chiamate OXPHOS, sistema fosforilativo ossidativo, con le quali il Nucleo controlla il funzionamento dei Mitocondri; questo sistema e’ costituito da sottounita’ che sono parzialmente realizzate nel Nucleo e parzialmente nei Mitocondri.

Le subunita’ prodotte nel Nucleo sono controllate dalla Sirtuine che a loro volta sono controllate dalla qualita’ di NAD disponibile; quindi quando manca il NAD nel Nucleo succede che esso non puo’ piu’ dire ai Mitocondri di andare avanti e produrre energia e questo crea dei grossissimi problemi.

Quindi non e’ un problema solo interno alla catena di trasporto elettronico, ma e’ un problema come vedete piu’ generale, relativo a tutta la serie di segnali che avvengono all’interno delle cellule.

Come abbiamo detto il sistema di riparazione del DNA che abbiamo visto in un altro capitolo e’ molto legato alla quantita’ di NAD.

Qui il NAD pero’ viene separato e fatto a pezzi con le PARP che sono quelle che vanno poi a controllare la riparazione del DNA.

Il NAD viene smantellato e viene utilizzato come “partii”, sia come collante sia nome pezzi che vengono infilati, come tappi, come tappabuchi, all’interno dei vari segmenti di DNA che si sono danneggiati; dopodiche’ avviene la riparazione e poi il DNA risulta riparato, normalmente correttamente.

Con l’invecchiamento abbiamo visto che questi errori nel DNA sono piu’ frequenti: il DNA si strappa e si danneggia, quindi le PARP sono molto piu’ attive, si usa molto piu’ NAD.

Il problema di questo meccanismo e’ che il NAD utilizzato per questi effetti va poi perduto, non entra nella catena di riciclo tipica del meccanismo dei Mitocondri e quindi va perso.

Questa quindi e’ una specie di perdita nei tubi, e’ come se fosse il famoso olio: un tubo ha una perdita, piu’ ne passa da li’ per riparare il DNA, piu’ quel tubo perde e va perso, vien buttato via; e’ questo che fa ridurre la quantita’ di NAD disponibile nel corpo, anche assieme ad altre cose ovviamente.

All’interno delle cellule il NAD viene riciclato e il pinncipale enzima che va a riciclare il NAD e’ chiamato NAMPT, nicotinammide fosforibosil transferasi; nome complicato per un enzima importante perche’ poi vedremo che e’ l’obiettivo di una serie di trattamenti possibili.

Il NAMPT diminuisce fortemente con l’eta’ e quindi i precursori del NAD, che arrivino da fuori o che siano successivi alle reazioni chimiche dove il NAD e’ stato utilizzato, non hanno piu’ la possibilita’ di essere rimessi insieme per creare molecole di NAD ex novo o di recupero.

Cos’e’ che riduce il funzionamento di questo enzima, del NAMPT?

Sappiamo che uno dei piu’ importanti e’ il fattore di necrosi tumorale alfa, tnf alfa, e oltre a questo anche lo stress ossidativo; questi vanno a colpire e distruggere questo enzima e quindi alla fine succede che i livelli di NAD declinano perche’ ci sono dei fattori di stress e fattori infiammatori che vanno a crescere e alla fine molto meno NAD e’ disponibile perche’ non viene riciclato.

Con l’eta’ abbiamo la perdita di questo enzima, il NAMPT, e abbiamo anche un maggiore uso dato dalla maggiore necessita’ di riparazione.

Cos’e’ che ci fa recuperare il funzionamento del NAMPT o ne fa creare dell’altro?

L’esercizio fisico e alcune sostanze molto specifiche e particolari di cui parleremo.

Abbiamo diversi sottosistemi che si contendono la quantita’ di NAD che va diminuendo e svanendo, quindi se viene tolto nei Mitocondri avremo meno energia e un sistemma immunitario meno efficiente, se lo togliamo dai sistemi di riparazione del DNA avremo il cancro e se lo togliamo dalle Sirtuine avremo un invecchiamento accelerato.

Comunque lo si veda non va bene, perche’ non c’e’ un modo: il corpo cerca di fare quello che puo’, ma in realta’ quello che succede e’ che tutto funziona meno bene e quello che si vede e’ il declino dato dall invecchiamento.

Uno dei modi per aumentare la quantita’ di NAD e cercare di recuperare una condizione tipica della gioventu’ e’ di fornire dall’esterno i precursori, quindi troverete molti integratori che dicono di fornire NAD.

Ci sono delle possibilita’ di fornire NAD direttamente, per esempio con dei cerotti da applicare sulla pelle, molto costosi, che forniscono NAD direttamente per una lunga quantita’ di tempo direttamente nel sangue; questo ne produce un aumento della concentrazione rilevabile, ma non e’ detto che tutto quello riesco a finire all’interno delle cellule.

Il NAD e’ una molecola molto grande e quindi e’ probabile che non riesca a passare attraverso le pareti cellulari; e’ una bella idea quella di fare qualcosa per aumentare i livelli di NAD, ma non e’ detto che aumentarne la quantita’ nel sangue ne aumenti la qualita’ disponibile all’interno delle cellule.

Quindi bisogna stare attenti, magari si spendono molti soldi, si compra qualche cosa che sembra apparentemente bellissima, ma l’effetto finale e’ che non e’ utile per quello che si voleva fare.

Quindi cosa fare?

Ci sono molti integratori che si possono prendere invece per bocca.

Ricapitoliamo: il NAD puo’ essere generato a partire dal triptofano, un aminoacido, e da altre sostanze che sono derivati della vitamina B3, che e’ chiamata anche Niacina.

Negli integratori si trova scritto solo B3 o Niacina, ma ci sono molecole con effetti diversi e proprieta’ diverse; una e’ l’acido nicotinico, che in sigla e’ NA, uno e’ il nicotinammide, che in sigla e’ NAM, e uno e’ il nicotinammide riboside, che in sigla e’ NR; si trova anche il nicotinammide mononucleotide, NMN.

Queste sono le cose che trovate normalmente sugli integratori; il NA puo’ causare irritazione cutanea, il NAM invece no per esempio.

Normalmente si trova il NMN o il NR; la differenza fra questi due precursori del NAD sono significative, perche’ il NMN, che e’ il nicotinammide mononucleotide, e’ piu’ grande come molecola perche’ ha un gruppo fosfato aggiunto, quindi non e’ sicuro che possa passare la membrana cellulare, soprattutto che ne possa passare in grande quantita’.

Ci sono state delle ricerche che sembrano indicare che il NMN posso passare la membrana cellulare, ma non ci sono sicurezze in questo senso.

Il NR e’ invece piu’ piccolo e una volta dentro le cellule viene convertito in NMN con degli enzimi chiamati NRK, dopodiche’ il NMN entra nel circuito di riciclo interno del nicotinammide e quindi alla fine va a produrre il NAD tramite l’enzima che abbiamo gia’ visto, il NAMPT, che pero’ va diminuendo con l’eta’.

In ogni caso questi integratori richiedono sempre una buona presenza di vitamine del gruppo B3, triptofano e altre sostanza del genere nella dieta; quindi alla fine, anche inserendo questo tipo di supplementi di NMN o NR e’ necessario che la dieta sia ricca di vitamina B3, in ogni caso.

C’e’ un continuo dibattito sul fatto se sia meglio prendere NMN o prendere NR; ci sono persone del tutto convinte dell’uno e convinte dell’altro.

Tutti comunque, in un modo o nell’altro, sperimentano un miglioramento nei livelli energetici e nel metabolismo in generale; alla fine quindi questi integratori qualche effetto lo fanno in ogni caso.

Sono integratori sicuri, non c’e’ qualche altro effetto collaterale particolare?

Pare che non ci siano effetti collaterali, quindi pare che siano molecole sicure da prendere e producano effettivamente un aumento nel NAD; bisogna solo stare attenti se si hanno avuto malattie di tipo neoplastico perche’ il NAD aumenta il livello energetico in tutte le cellule dell’organismo, quindi magari pure quelle che non si vorrebbero attivare di piu’.

In ogni caso quindi e’ importante, prima di assumere questo tipo di integratori, consultarsi con un medico che conosca la propria storia clinica.

Questi integratori hanno un problema di stabilita’: sia il NMN che il NR devono essere mantenuti al fresco; si degradano dopo sei ore che sono esposti a temperatura ambiente normale e possono resistere sette giorni a temperature dai 2 agli 8 gradi celsius.

Se non sono mantenuti freddi nella catena di produzione e distribuzione fino a casa del consumatore puo’ darsi che non siano piu’ stabili, siano stati degradati e siano diventati nicotinammide, che e’ qualcosa che non si vuole prendere in grandi dosi perche’ puo’ darsi che vada addirittura a inibire le Sirtuine e le PARP e interferire con i sistemi di riparazione del DNA.

Quindi si deve stare attenti a quello che si prende, che sia stato mantenuto al fresco o stabilizzato in qualche modo.

Normalmente chiunque parli del NAD finisce qui; potrei farlo anch’io e lasciarvi col suggerimento di prendere integratori di NR o NMN che magari indicano sul barattolo “NAD”, ma poi da qualche parte se leggete hanno uno di questi due.

Sarebbe gia’ molto meglio che non fare nulla, perche’ questi integatori comunque vanno ad aumentare i livelli di NAD disponibile nell’organismo; tenete solo conto del fatto che vanno mantenuti al fresco o comunque stabilizzati: dovreste verificare che abbiano qualche tipo di meccanismo di stabilizzazione.

Tuttavia, ci sono indicazioni che questo sia come fornire piu’ materie prime alle cucine della nave: molte casse di uova, molte bottiglie d’olio, molti sacchi di farina per mantere il numero di piatti prodotti per il pranzo e fare in modo di mandare avanti le crociere anche in una nave vecchia dove le cucine sono danneggiate.

Tuttavia, se la cucina e’ vecchia e logora capita che le uova si rompano sul pavimento, che le padelle perdano olio sul fuoco e che i sacchi di farina siano maneggiati male e si rompano, perdendo molto del contenuto.

Quindi se volete sapere cosa davvero succede, e cosa puo’ essere efficace al massimo per il NAD, dobbiamo parlare di un’altra parte del suo percorso metabolico e di integratori piu’ avanzati.

Invece di puntare sul fornire dall’esterno i precursori, si potrebbe puntare anche sul percorso di riciclo che e’ il modo in cui il corpo produce la maggior parte dal NAD.

Come abbiamo visto c’e’ il nicotinammide fosforibosil transferasi, il NAMPT, che e’ questo enzima che dal NAM, che e’ il nicotinammide, produce il NMN, il nicotinammide mononucleotide, che a sua volta produce il NAD; tutto dentro la cellula.

Quindi non c’e’ la questione se il NMN possa o no entrare attraverso la membrana, che e’ il motivo per cui molti scelgo integratori di NR perche’ la molecola e’ piu’ piccola.

Bisogna tenere conto anche di un altro aspetto: le cellule vecchie usano piu’ NAD e quindi producono piu’ NAM che poi non viene riciclato perche’ c’e’ meno NAMPT, questo enzima che lo ricicla; quindi a un certo punto deve partire un sistema che butta via questo NAM tramite un processo chiamato metilazione.

Le cellule in fondo non vogliono che qualcosa si accumuli troppo, quindi se nei percorsi metabolici interni il NAD e’ utilizzato e si produce molto NAM e questo non viene riciclato tramite l’enzima, da qualche parte deve andare a finire.

Tipicamente la cellula lo butta fuori tramite un meccanismo di metilazione, quindi a un certo punto non c’e’ riciclo, si perde tanto NAD e si puo’ supplire fornendo dall’esterno i precursori, ma sarebbe meglio mantenere il sistema di ricircolo ed evitare l’attivazione della metilazione, perche’ la metilazione, che butta via il NAM, continua a essere attiva e utilizza gruppi metile che vengono presi da delle particolari molecole che sono chiamate “donatori di gruppi metile”; ad un certo punto si ha anche l’esaurimento di queste molecole che sono invece indispensabili per altre reazioni dell’organismo.

Quindi cosa si puo’ fare veramente di efficace?

Si puo’ potenziare l’enzima NAMPT per riattivare il percorso di riciclo interno, bisogna disattivare un altro enzima chiamato NNMT, che e’ quello che e’ responsabile della metilazione che butta via il NAM, e magari fermare un altro enzima ancora che e’ chiamato CD38 e spreca il NAD producendo tanto NAM.

Gli integratori che fanno questo aumentano quattro volte di piu’ i livelli di NAD rispetto a quelli che forniscono solo i precursori.

Non ci sono molti integratori che agiscono su quest’altra parte del metabolismo, che pero’ e’ molto importante.

Sono integratori di piu’ recente costituzione e forniscono anche i precursori in piccola parte, ma soprattutto forniscono appunto la possibilita’ di riattivare questo enzima di riciclo e disattivare gli enzimi che buttano via il NAM risultante.

Quindi la conclusione e’ che bisogna assolutamente integrare il NAD, non lo fa nessuno in Italia, praticamente, ed e’ la prima cosa in assoluto che andrebbe fatta, perche’ veramente fa una grossa differenza nei trattamenti antiage, per l’antiinvecchiamento.

Piuttosto che non fare niente e’ bene prendere dei precursori di NAD, per esempio che abbiano NR, e se si vuole veramente fare il massimo assumere integratori in particolare formulazione che abbiano i quattro effetti che abbiamo visto prima: integrazione di precursori, riattivazione dell’enzima di riciclo e disattivazione dei due enzimi successivi che vanno a fare la metilazione e il consumo eccessivo di NAD.

Ricorda che la medicina ufficiale e’ importante e vanno seguite le indicazioni dei medici abilitati.

Non diciamo che queste cose si vanno a sostituire ad una vita sana, a una dieta equilibrata e al fatto di andare a farsi controllare tutte le volte che serve e assumere tutti i medicinali che ci vengono prescritti.

Questi sono potenziamenti che ci fanno rimanere operativi, lucidi e in grado di goderci la vita.

Iscrivendosi alla pagina (e mettendo un ‘mi piace’) si resterà aggiornati su tutte le tecnologie di estensione vitale e inversione dell’invecchiamento in sviluppo o già disponibili nel mondo, tramite articoli e video tradotti in italiano.

Registrati sul sito per ricevere automaticamente tutti gli aggiornamenti del Movimento rilevanti per la tua vita estesa e la tua salute potenziata:

Rimani sempre aggiornato anche con il nostro canale telegram, basta un click qui:

https://t.me/vitaestensione

Segui gratuitamente tutti gli episodi anche solo ascoltandoli sul podcast del Movimento Estensione Vita

su Apple:

https://podcasts.apple.com/us/podcast/movimento-estensione-vita/id1567804669

su Spotify:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

19 + 16 =