La pressione alta, i problemi cardiocircolatori, l’impotenza, il rischio di infarto e come sono collegati all’Ossido Nitrico.

Riprendiamo oggi l’incontro col dottor Andrea Militello per la nostra serie delle interviste sul campo con chi si occupa ogni giorno di antiage con grande passione, vedendo la sua piu’ come una missione che una professione e condivide il punto di vista del Movimento Estensione Vita sull’invecchiamento come una malattia dalla quale si generano quasi tutte le altre.

Se anche tu sei un professionista che ha la passione di migliorare la vita delle persone, un medico o un ricercatore, mandaci un’email a info@movimentoestensionevita.org: la redazione si mettera’ in contatto con te e magari potremo offrire al nostro pubblico un’intervista dove parleremo insieme di cosa in pratica le persone possano fare e quale sia la tua esperienza diretta sul campo.

L’Ossido Nitrico e’ una sostanza estremamente importante che va diminuendo come tante altre con l’eta’, con l’invecchiamento, e la sua mancanza produce una serie di effetti molto negativi sul sistema cardiocircolatorio, quindi sul cuore, le vene e le arterie.

I problemi sono dati dal fatto che l’Ossido Nitrico e’ una sostanza importante per mantenere l’elasticita’ di tutte queste “tubazioni” che portano il sangue in giro per il corpo.

Quello che succede con la carenza di Ossido Nitrico e’ che le tubazioni diventano rigide, quindi le vene e le arterie non sono piu’ in grado di espandersi e contrarsi col passare del sangue.

Quando il cuore spinge c’e’ un aumento di pressione, poi c’e’ una discesa e cosi’ via.

Quando ci sono maggiori richieste di irrorazione col sangue da parte di cellule che vengono sottoposte a stress, per esempio quando si fa esercizio fisico o quando si fa un qualunque tipo di sforzo, se le tubazioni sono rigide, per una legge della fluidodinamica quello che succede e’ che se deve passare piu’ liquido, piu’ sangue, per unita’ di tempo e il diametro del tubo non puo’ aumentare aumenta la pressione.

Per questo motivo quindi la pressione alta e’ un problema classico dell’eta’ e tanti anziani, ma anche persone di mezza eta’, cominciano a prendere le pillole per la pressione.

Questo ha un altro effetto estremamente negativo, oltre al fatto di non far passare abbastanza sangue: quello dell’impotenza per gli uomini, ma anche per le donne c’e’ una riduzione del funzionamento dell’apparato sessuale, quindi una minor libido, minore desiderio di fare sesso.

La cosa e’ molto piu’ visibile negli uomini, ma capita anche nelle donne: la mancanza di sangue e’ chiaro che impedisce un’erezione soddisfacente e quindi ci sono una serie di sostanze, le famose “pilloline”, che vanno ad agire magari direttamente su “valvole” che regolano questo tipo di pressione, ma non sul problema che c’e’ a monte, che e’ il fatto che le tubazioni sono diventate rigide.

Le tubazioni rigide producono un sacco di altri effetti negativi: non soltanto l’impotenza, ma anche il fatto che non arriva sangue quando deve arrivare in tutto il corpo e quindi essenzialmente la maggior parte delle strutture del corpo stesso sono sottoalimentate o sono piene di sostanze di scarto che non possono essere portate via, perche’ il sangue porta l’ossigeno, porta via anidride carbonica, ma porta via anche le sostanze di scarto e porta quelle nutrienti.

Se cominciano a non passarne abbastanza il cuore cerca di compensare pompando di piu’ e aumentando la pressione, con tutti gli effetti che abbiamo: la possibilita’ di avere un infarto, la possibilita’ di avere un ictus e una serie di problemi che vediamo capitare sempre di piu’ con l’invecchiamento.

Comunque oltre una certa pressione non si puo’ andare perche’ la capacita’ della “pompa”, del cuore, e’ limitata, quindi in ogni caso anche con la pressione piu’ alta non passa abbastanza sangue; cio’ vuol dire che il corpo si ritrova sottoalimentato, ipoossigenato, manca l’ossigeno nelle cellule.

C’e’ tutta una serie di effetti estremamente negativi che contribuiscono moltissimo non soltanto al problema del trauma di avere un ictus, un infarto o l’impotenza, la mancanza di erezione, per gli uomini, ma c’e’ tutta un’altra serie di problemi che nascono col fatto che il corpo, non essendo abbastanza alimentato, ha difficolta’ a far funzionare i vari organi, i vari sottosistemi.

Ci sono una serie di sostanze che sono precursori dell’Ossido Nitrico che consentono di elevarne la concentrazione fino al punto di riportare il sistema cardiocircolatorio ad un livello molto vicino a quello della giovinezza.

Queste sostanze si chiamano Arginina e si chiamano Citrullina; sono molto importanti, ci sono integratori di queste sostanze che andrebbero assolutamente assunti e da soli potrebbero essere sufficienti a ridurre la pressione eccessiva e far stare meglio tutto l’organismo, risolvendo anche i problemi di impotenza.

Perche’ se li risolviamo con la pillolina magica rischiamo di riuscire ad avere magari un rapporto sessuale, ma rischiamo di avere anche un infarto durante il rapporto stesso.

E’ come spingere al massimo numero di giri il motore della nave con le tubazioni che sono vecchie e rischiano di scoppiare da qualche parte o qualche pompa rischia di cedere.

E’ meglio che le tubazioni siano mantenute efficienti e giovani con l’integrazione di queste sostanze come la l-Arginina, la citrullina e cosi’ via.

Continuiamo oggi il dialogo col dottor Andrea Militello che, essendo urologo, vede molto da vicino sul campo questi problemi, soprattutto per la parte maschile, ma non soltanto, e vediamo insieme le problematiche relative all’Ossido Nitrico e agli integratori che possono risolverle.

Questa storia comincia un po’ da lontano, perche’ dobbiamo vedere una serie di reazioni che coinvolgono tutto l’organismo.

Tutto comincia da una cosa con un nome un po’ strano che e’ la Citrullina.

La Citrullina: io parlo come andrologo, l’abbiamo scoperta non tantissimi anni fa e il nome inizialmente faceva sorridere.

E’ documentato quanto ce ne sia in abbondanza nella parte bianca del cocomero che e’ il Citrullus Vulgaris, da cui il nome Citrullina; molecola che penso poi si trovi anche ad esempio nel melone e alcuni altri ortaggi, nei cetrioli ad esempio.

Solo la parte bianca pero’…

La parte bianca del Comero.

Di solito si mangia nell’anguria la parte rossa, che e’ quella buona.

Io mangio solo la parte bianca, chiaramente!

La parte che non sa di niente…

Si sembra essere piu’ concentrata nella parte meno appetibile, effettivamente si e’ visto che c’e’ una concentrazione importante di questa molecola.

Dipende poi molto dalla qualita’ del nutraceutico che poi useremo.

Qual e’ il protagonista di queste molecole?

E’ l’Ossido Nitrico, di cui stava parlando, prodotto dall Endotelio, cioe’ da questo rivestimento delle arterie e delle vene a livello dei corpi cavernosi, che sono delle spugne di corpi trabecolari, quindi di tipo venoso.

L’Endotelio riveste questi vasi come la verniciatura della parete ed e’ in grado di produrre e sintetizzare l’Ossido Nitrico, molecola che poi per meccanismi di tipo metabolico come il GMP ciclico attiva i canali del Calcio e l’entrata del Calcio nelle cellule e fa si’ che alla fine si rilassi la muscolatura liscia; quindi da un punto di vista andrologico per l’erezione ci sia un aumento di volume dei corpi cavernosi che accolgono piu’ sangue.

Quindi l’Ossido Nitrico e’ responsabile della induzione e mantenimento dell’erezione, ma possiamo allargare il discorso al sistema cardiovascolare.

Citrullina e Arginina sono interconnesse, perche’ poi, attraverso un sistema metabolico, la Citrullina diventa Arginina.

La l-Arginina poi libera nella sua trasformazione in Citrullina l’Ossido Nitrico, quindi dobbiamo vederlo come un po’ un cerchio di autorigenerazione dove il passaggio Arginina-Citrullina permette il rilascio di Ossido Nitrico.

Perche’ le nomino tutte e due non sapendo esattamente quale indicare?

Perche’ c’e’ stato un momento in cui si e’ visto che l’Arginina in se e per se veniva metabolizzata molto piu’ velocemente a livello delle arginasi, gli enzimi intestinali ed epatici, ossia del fegato dove c’e’ il primo passaggio, che la metabolizzavano in ornitina e in urea, ma qui forse dobbiamo puntualizzare appunto la capacita’ che hanno alcuni metaboliti che affiancano l’Arginina di renderla piu’ resistente agli attacchi enzimatici.

Quindi la Citrullina, o l’Arginina in alcune formule, sono un potente vasodilatatore e un chiamiamolo “ammorbidente” (scusate il termine poco scientifico) della resistenza della parete arteriosa.

Pare che sia una componente di alcuni importanti strutture proteiche come gli Istoni, addirittura.

La Citrullina partecipa attivamente al ciclo dell’urea.

Si, come stavamo dicendo nel ciclo dell’urea viene trasformata in ornitine e in urea oppure riconvertita in Arginina, liberando l’Ossido Nitrico.

L’aminoacido afrodisiaco viene chiamata: e’ vero che potrebbe aiutare?

Esatto, e’ un afrodisiaco indiretto; non e’ un nootropo, cioe’ una molecola che va a dare un aiuto, un sostegno a livello cerebrale per quella che e’ la componente della libido o questa attivita’ afrodisiaca, pero’ migliorando la vasodilatazione periferica, e quindi anche quella dei corpi cavernosi, quindi dando una sensazione di erezione, di turgidita’, migliore chiaramente di riflesso aumenta anche la libido.

Quindi “afrodisiaca” diciamo di riflesso a quella che e’ la miglior risposta erettile nell’uomo.

In generale quello che si vede e’ anche che, migliorando il funzionamento cardiovascolare in generale, dona una migliore prestazione fisica dell’organismo; quindi uno puo’ andare a correre, puo’ salire in montagna o puo’ fare anche del sesso, alla fine sono tutte delle attivita’ “sportive”, diciamo cosi’.

Sono attivita’ cardiovascolari e’ quindi iportante non solamente in quello che e’ la vasodilatazione periferica dei corpi cavernosi, ma di tutto l’organismo; quindi dona un beneficio cardiovascolare nell’attivita’ motoria, che sia di tipo agonistico o meno, e un benessere dell’apparato cardiocircolatorio.

Solamente un tempo si proponeva anche come stimolatore del rilascio notturno dell’ormone della crescita, molecola molto interessante di cui oggi non abbiamo modo di parlare, della quale viene favorito il rilascio da parte ipofisaria con quantita’ importanti pero’ di Arginina.

Da questo punto di vista diciamo che, rispetto ad assumere una di queste famose pillole miracolose, la pillola azzurra o la pillola gialla (non facciamo i nomi commerciali, ma tutti sanno cosa siano, si trovano anche su internet, non comprate delle cose che vengono vendute senza prescrizione medica, chissa’ cosa ci mettono), qual e’ la differenza dell’azione?

Sono due meccanismi diversi: in questo caso noi favoriamo, in maniera anche naturale, o integriamo in maniera naturale questa molecola che abbiamo indicato come essere l’Ossido Nitrico; le pasticchette agiscono su un enzima che inibisce di per se’ l’Ossido Nitrico; quando ne produciamo vi e’ un enzima che in poco tempo lo disgrega, lo riduce, e ne impedisce l’azione.

Queste pasticchette agiscono inibendo l’enzima che inibisce, scusate queste doppie parole, l’Ossido Nitrico; pero’ e’ un’azione farmacologica che non agisce solo a livello delle cinque-fosfodiesterasi dei corpi cavernosi, ma anche in altri organi, tanto che ad esempio le prime pasticchette blu creavano problemi anche oculari, della vista, perche’ alcuni enzimi che venivano bloccati da queste molecole erano presenti anche nell’occhio.

Ho tuttora molte persone che assumono la pillolina gialla che riferiscono poi di dolori muscolari, perche’ questi enzimi sono diffusi in tutto l’organismo, mentre qui con questo approccio nutraceutico noi forniamo solamente una sostanza naturale che di per se’ libera col nostro metabolismo l’Ossido Nitrico.

Poi in generale agisce su tutto il sistema cardiocircolatorio che viene fatto funzionare meglio, non soltanto in un punto, ma dappertutto ed e’ meglio per tutto l’organismo.

Infatti nei protocolli antiage ci sono la Citrullina e l’Arginina da prendere a vita, tutti i giorni, per mantenere una sana situazione cardiocircolatoria e abbassare la pressione, perche’ dilatando i vasi sanguigni, che sono piu’ elastici e quindi si dilatano quando c’e’ piu’ bisogno di pressione; e’ diverso rispetto al fatto che ci siano dei tubi rigidi dove far passare piu’ sangue per secondo fa salire la pressione.

Si, per motivi di fisica, di fluidodinamica, e’ importante.

Questa miglior vascolarizzazione tissutale degli organi apporta ossigeno e apporta sostanze nutritive, quindi e’ alla base dell’antiaging perche’ e’ proprio “l’autostrada”, diciamo, che permette poi il trasporto di altri metaboliti e di altre sostanze.

E’ importante anche per la perfusione cerebrale, perche’ spesso la mente ha substenosi e stenosi delle arterie cerebrali; ossigenano di meno il nostro cervello creando problematiche anche di concentrazione a livello cognitivo e di focus.

Un buon apporto di Arginina e quindi di Ossido Nitrico porta miglioramenti della perfusione, cioe’ della vascolarizzazione cerebrale.

Cosa che abbiamo visto in una serie di ricerche sembra essere alla base di buona parte delle problematica che vediamo, anche dell’insorgere poi dell’Alzheimer, del Parkinson e malattie di questo tipo.

Sembra che la mancanza di sangue e ossigenazione, di perfusione (far arrivare sangue nelle varie parti del cervello) sia poi alla base del fatto che si formano le placche amiloidi perche’ chiaramente non vengono portati via i prodotti di scarto del cervello.

Si crea questo e si creanono situazioni di infiammazione cerebrale; una buona vascolarizzazione evita che tutto questo possa insediarsi e prendere piede.

Quindi anche per coloro che l’erezione ce l’hanno e va tutto bene magari questo tipo di integrazione puo’ essere utile per tutto il resto del funzionamento cardiocircolatorio che del questo e’ la prima causa di morte in occidente, magari e’ bene preoccuparsene.

Ma tutto si chiude perche’ come abbiamo detto nei nostri incontri precedenti l’erezione, perche’ essendo andrologo parlo delle mie patologie, e’ spesso solamente il campanello d’allarme di un problema cardiocircolatorio, quindi vediamolo in maniera sistemica.

Per la maggior parte delle donne pero’ anche e’ utile questo tipo di integrazione, perche’ alla fine non hanno certamente l’erezione, per carita’, ma pare che sia utile anche a loro per quanto riguarda attivita’ sessuale, il fatto di avere una risposta poi comunque piu’ intensa a questo tipo di stimolazione.

Alla fine poi il clitoride e’ un piccolo bene e i meccanismi alla fine sono simili.

Mi ha anticipato in quello che stavo anch’io confermando, esatto, e’ comunque un organo ricchissimo di terminazioni nervose di tipo sensitivo, e’ la zona piu’ stimolata durante il rapporto e quindi una ipervascolarizzaione del clitoride ha sicuramente dei benefici anche per quelle che sono le sensazioni dell’atto sessuale, fermo restando tutti i benefici cardiocircolatori, oltre il trofismo della mucosa vaginale e la sensibilita’ del clitoride.

Quindi non e’ solo una cosa da uomini, ma in realta’ fa bene un po’ per tutti, e’ un trattamento che dovrebbe essere fatto comunque.

Assolutamente si’ e trova appunto un suo impiego, della Citrullina e dell’Arginina se ne puo’ parlare molto, e’ importante utilizzarli per favorire la vascolarizzazione, l’ossigenazione dei tessuti e di rimbalzo un miglioramento di quella che e’ l’attivita’ sessuale.

Quello che e’ noto e’ che ci sono piu’ integratori di Arginina, di l-Arginina, rispetto a quelli di Citrullina disponibili e nel mondo antiage si parla soprattutto di Arginina, che e’ la sostanza che e’ subito dopo in questo ciclo di reazioni.

L’Arginina e’ un aminoacido essenziale coinvolto in una serie di cose: la sintesi del Glucosio, la sintesi della Creatina, la detossificazione dei residui azotati e la sintesi di Ossido Nitrico, quello di cui stiamo parlando per quanto riguarda il discorso cardiocircolatorio perche’ e’ un potente vasodilatatore che rende elastiche le “tubazioni”.

I nostri “tubi”, arterie e vene che contengono e trasportano il sangue.

Pero’ pare che abbia un’azione anche immunostimolante e antiossidante, perche’ per far parte del mondo antiage, come abbiamo visto, tutto e’ antiossidante prima o poi questo effetto ce l’abbiamo sempre da qualche cosa e quindi anche qui, magari perche’ semplicemente porta via le sostanze di scarto piu’ velocemente.

Esatto, e’ antiossidante proprio per questa capacita’ di apporto di sostanze con azione antiossidante e nello stesso tempo possibilita’ di rimuovere piu’ velocemente tutti i cataboliti e i radicali liberi dell’ossigeno.

Quindi non c’e’ niente di peggio che invecchiare, avere un sistema cardiocircolatorio pigro e la pressione alta: circola poco sangue e si rischia che qualche “tubo” salti perche’ c’e’ pressione molto piu’ elevata.

Quando si e’ giovani tutto e’ piu’ elastico e soprattutto tutto e’ perfuso meglio e quindi c’e’ una circolazione piu’ adatta.

Protegge anche dalla componente di eventuale presenza di Varicoceli.

Ne abbiamo parlato in un altro video: c’e’ un effetto anche sulla fertilita’; induce la sintesi di Prolina, aminoacido abbondante nel Collagene.

Gli integratori utilizzati ai dosaggi consigliati pare che non abbiano effetti collaterali negativi, a parte il fatto che possono abbassare la pressione del sangue, quindi se uno sta gia’ prendendo qualche tipo di pasticca per la pressione magari questo puo provocare un collasso.

E’ esatto, e’ giusto evitare l’effetto sommatorio, anche perche’ potrebbe essere come ci auguriamo che l’Arginina migliori quella che e’ la tonicita’ della parete vascolare e associata ad un uso di un antipertensivo, come se si prendesse un antipertensivo senza necessita’, ci puo’ essere un rischio di un’eccessiva vasodilatazione e quindi abbassamento eccessivo della pressione ed ipotensione.

Ecco perche’ chiaramente questa integrazione, della Citrullina si parla di 2/3 grammi al giorno, e’ necessario venga sempre effettuata su consiglio del medico che deve conoscere alcuni aspetti clinici del paziente.

Quindi di nuovo, come tante altre cose, sono sostanze che possono averee effetti collaterali potenzialmente anche gravi, perche’ se uno semplicemente magari sviene o ha un giramento di testa mentre sta guidando chiaramente puo’ essere pericoloso, si va ad uccidere, quindi non e’ il caso di correre a prendere la Citrullina o la l-Arginina cosi’, senza pensarci troppo; non e’ una cosa da prendere a cuor leggero e, come diciamo sempre, deve essere sempre verificata da un medico di fiducia che conosce la situazione della singola persona e quali altre sostanze magari si stanno assumendo.

Anche se e’ di libera vendita non compratela “liberamente” e non prendetela cosi’ per provare: non e’ difficile, basta chiedere e vi verra detto qual e’ il caso migliore di applicazioni.

Assolutamente si’, evitare l’effetto sommatorio con altre molecole, lo diciamo sempre; anche la nutraceutica deve essere ben ponderata e ben misurata, come dico io: proprio una terapia sartoriale cucita su ogni singolo individuo.

Chiaramente il problema e’ che la l-Arginina diciamo che molto rapidamente viene metabolizzata, quindi non e’ piu’ disponibile in circolo per tutto il tempo; andrebbe presa piu’ volte al giorno, ma e’ un problema; ci sono varie formulazioni che cercano di ovviare a questo problema in diversi tipi di integratori.

Uno di questi e’ quello che utilizza uno speciale tipo di mirtillo, il mirtillo americano, che come nome scientifico e’ Aronia Melanocarpa: un mirtillo tipico del Nord America, pero’ ultimamente viene sempre piu’ coltivato anche in Italia.

Questo consente di far si di far perdurare piu’ a lungo la fase di assorbimento o ridurre la frase di distruzione dell’Arginina, quindi poter dare dosaggi piu’ bassi con un mantenimento del livello ematico. del livello nel sangue, molto piu’ prolungato.

Ci sono altri integratori invece che sono attivati con la saliva, quindi si mette sotto la lingua una pasticca e questa viene fatta sciogliere li’.

Anche per questo motivo e’ difficile dare dei quantitativi e dire cosa e’ meglio per una persona, perche’ dipende dal tipo di formulazione che viene fatto; questo vale per tutti questi integratori.

E’ importante quello che sta dicendo, alcune cose non nascondo che le ho scoperte insieme a lei; il fatto e’ che, essendoci queste arginasi intestinali e questa metabolizzazione epatica, magari un’Arginina che non e’ accompagnata da altre molecole protettrici viene in pochi minuti metabolizzata e quindi non ha effetto a meno che non ne prendiamo 4/5 compresse al giorno.

Questo e’ un messaggio sicuramente importante.

Negli anni ottanta l’Arginina e’ stata studiata e prescritta per prevenire l’arteriosclerosi, quindi era stata vista come una specie di molecola miracolosa all’epoca ed era prescritta largamente per questi motivi; nel 1992 la rivista Science ha nominato l’Arginina “la molecola dell’anno”, soprattutto perche’ si e’ scoperto che l’Ossido Nitrico non soltanto favorisce l’elasticita’ delle pareti delle arterie e delle vene, ma e’ anche un neurotrasmettitore, quindi e’ coinvolto in una serie di reazioni all’interno del cervello che aiutano essenzialmente a pensare e a ricordare, il funzionamento di base a livello cerebrale.

Ci sono studi recenti che hanno dimostrato che il sistema cardiocircolatorio di persone avanti con gli anni puo’ essere ringiovanito dalla somministrazione di l-Arginina, questo e’ particolarmente importante perche’ ricerche recenti hanno dimostrato che esseri umani di 70/80 anni perdono circa il 75 per cento del contenuto di Ossido Nitrico rispetto a esseri umani sani di 20 anni, quindi parliamo di avere soltanto piu’ un quarto di quello che c’era quando si era giovani.

Non e’ un caso quindi che se si e’ anziano decadano molte prestazioni, ad esempio, a livello sportivo non abbiamo dei calciatori che superata una certa eta’ possono continuare a livello agonistico.

L’Ossido Nitrico e’ importante, e’ prodotto dall’Endotelio, dal rivestimento delle arterie, quindi e’ chiaro che quando l’Endotelio inizia a perdere la sua efficienza c’e’ minore produzione di Ossido Nitrico, minore vasodilatazione e minore ossigenazione dei tessuti.

Quali altre sostanze aiutano a mantenere le funzioni endoteliali, quindi le funzioni interne del sistema cardiocircolatorio?

Ce ne sono diverse: i folati, la vitamina C e anche il Melograno.

Ad esempio l’Acido Folico: e’ importante avere dei livelli ottimali di Acido Folico perche’ sappiamo che la sua presenza facilita il metabolismo dell’Omocisteina che, se in eccesso e quindi non controllata, puo’ interferire proprio con la sintesi e il rilascio dell’Ossido Nitrico; quindi l’Omocisteina in eccesso e’ un po’ un “freno a mano” di quella che e’ la performance di dilatazione delle nostre arterie e delle nostre vene.

Quindi avere un Acido Folico ottimale che controlla i livelli di Omocisteina e’ sicuramente utile in un rispetto del sistema cardiocircolatorio.

Quindi quali tipi di esami si dovrebbero fare per verificare questi livelli e sapere a che punto siamo di questa situazione.

Per quanto riguarda le componenti cardiovascolari di cui abbiamo parlato, sempre collegate un po’ al mio lavoro, io richiedo sempre, oltre ad esami di cui abbiamo detto in altre puntate, i dosaggi dell’Acido Folico, i dosaggi dell’Omocisteina, sempre insieme alla vitamina B12 e alla vitamina D.

Acido folico e vitamina B12 entrano proprio nel metabolismo dell’Omocisteina, quindi dosare queste molecole e’ fondamentale.

C’e’ questo integratore simpatico negli Stati Uniti che ha nella scatola assieme alle pasticche anche questa striscetta da appoggiare sulla lingua che da’ un’indicazione da un minimo a un massimo di Ossido Nitrico presente del sangue; quindi si puo’ fare questo tipo di test a casa, pero’ non basiamoci su questo per decidere cosa fare, consultiamo sempre un medico che vede comunque magari quantificazioni che sono di tipo numerico piu’ precise e non guarda solo se si e’ sul giallo p sul rosso.

Certo, per comparare in maniera quantitativa eventuali miglioramenti.

Oggi abbiamo fatto una lunga chiacchierata introduttiva per futuri incontri su quello che deve essere il nostro atteggiamento preventivo, sia a livello di medici, ma anche di utenza; anche io poi sono un futuro paziente.

Cercate di diventare il piu’ tardi possibile pazienti avendo questa consapevolezza di come il nostro metabolismo e degli stili di vita e alimentari giusti siano responsabili poi della nostra salute.

Con questi incontri cerchiamo di dare anche delle spiegazioni del perche’ e di come alcune molecole possono effettivamente ridare un equilibrio ai nostri sistemi Ossido-riduttivi e metabolici.

Come e’ entrato in gioco in questo mondo dell antiage, come pensa che evolvera’ in futuro dal punto di vista di qualcuno che e’ sul campo e ci opera direttamente con le persone?

In effetti c’e’ stato un passaggio dall’occuparmi piu’ che altro delle malattie conme urologo ad apprezzare poi l’aspetto andrologico, avvicinandomi all’endocrinologia e affacciandomi quindi poi alla possibilita’ che in effetti noi abbiamo, controllando l’assetto ormonale, di poter mantenere efficienti alcune performance del nostro organismo.

Da qui poi si e’ aperto chiaramente un orizzonte diverso perche’, anche se medico, mi sono accorto che tutto il mondo della biologia (quindi massimo rispetto per la figura del biologo) ci puo’ portare invece a conoscenza di tante sostanze e molecole che possono aiutare tutte le nostre tappe enzimatiche e metaboliche.

Quello poi che mi ha portato piano piano ad approfondire le conoscenze e diciamo il passaggio proprio dalla medicina alla, chiamiamola, prevenzione antiaging e’ stata la scoperta degli ormoni bioidentici.

Dico scoperta perche’ in effetti fu un po’ una scoperta occasionale leggendo di come invece in alcune altre nazioni siano utilizzati molto di piu’.

In Germania o in America gli ormoni bioidentici, che sono ormoni simili a quelli del nostro organismo derivanti da manipolazioni in laboratorio di sostanze vegetali: l’Adioscorea, la Patata Villosa e il Tribulus, permettono di creare molecole identiche a quelle del nostro organismo e permettono quindi di, non dico sostituire, ma integrare le nostre carenze ormonali in maniera non aggressiva, non farmacologica, dando spesso dei benefici importanti.

Gli ormoni che abbiamo talvolta nominati, il Pregnenolone, il DEHA, gli estrogeni, il Progesterone, il Testosterone per l’uomo e in parte per la donna, mi hanno permesso di capire come il loro utilizzo porti a dei benefici psicofisici.

Da qui l’interesse e l’amore per l’antiaging, anche un po egoistici perche’ gli anni vanno avanti un po’ per tutti, ha preso sempre piu’ piede.

Diciamo quindi una visione positiva verso quello che ci aspetta nel futuro la possiamo dare; io ci credo molto, lo faccio per me e lo faccio per persone che conosco e i miei amici.

Anche nel campo suo l’applicazione di queste cose sta vedendo che da dei risultati.

A me sembra che siano abbastanza recenti risultati su queste cose; qualche anno fa non se ne parlava nemmeno.

E’ un mondo in espansione, forse gia’ presente, ma ancora pero’ non conosciuto.

Io vedo un futuro importante.

L’approccio migliore e’ proprio quello di non piu’ guarire le malattie, ma impedire che sopravvengano, cercando di prolungare quella che e’ anche la nostra vita nel migliore dei modi.

Ci sono le possibilita’ biologiche e biochimiche e se si prende conoscenza, come sta succedendo anche grazie a iniziative come il Movimento Estensione Vita, che

Non nascondo e’ stato anche motivo di incontro con il presidente, puo’ permettere in un futuro neanche cosi’ lontano di intraprendere dei percorsi antiaging o anche reverse aging importanti,

Forse in futuro anche con interessamenti di quello che e’ l’assetto genetico della persona, ma gia’ adesso con la nutraceutica e alcuni percorsi biochimici si puo’ fare molto.

Molto bene, grazie.

Ci vedremo prossimamente per altre fantastiche novita’ e puntate.

Assolutamente fondamentale, le attendo anch’io per imparare qualcosa e grazie a tutti per l’attenzione.

Il futuro sara’ meraviglioso, lunga vita e prosperita’.

Ricorda che la medicina ufficiale e’ importante e vanno seguite le indicazioni dei medici abilitati.

Non diciamo che queste cose si vanno a sostituire ad una vita sana, a una dieta equilibrata e al fatto di andare a farsi controllare tutte le volte che serve e assumere tutti i medicinali che ci vengono prescritti.

Questi sono potenziamenti che ci fanno rimanere operativi, lucidi e in grado di goderci la vita.

Iscrivendosi alla pagina (e mettendo un ‘mi piace’) si resterà aggiornati su tutte le tecnologie di estensione vitale e inversione dell’invecchiamento in sviluppo o già disponibili nel mondo, tramite articoli e video tradotti in italiano.

Registrati sul sito per ricevere automaticamente tutti gli aggiornamenti del Movimento rilevanti per la tua vita estesa e la tua salute potenziata:

Rimani sempre aggiornato anche con il nostro canale telegram, basta un click qui:

https://t.me/vitaestensione

Segui gratuitamente tutti gli episodi anche solo ascoltandoli sul podcast del Movimento Estensione Vita

su Apple:

https://podcasts.apple.com/us/podcast/movimento-estensione-vita/id1567804669

su Spotify:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

three × five =