Vivere fino a centocinquant’anni, anche la Vitamina C serve

Parliamo sempre di cose molto complesse, ogni tanto parliamo anche di cose piu’ semplici, come le vitamine, che tuttavia hanno un’elevata incidenza sui percorsi metabolici dell’invecchiamento.

La Vitamina C, detta anche Acido Ascorbico, e’ una delle vitamine piu’ studiate e piu’ conosciute.

E’ una Vitamina idrosolubile (vuol dire che si scioglie nell’acqua) e l’organismo umano non e’ in grado di produrla, quindi e’ indispensabile che venga assunta con la dieta.

Dove si trova tanta Vitamina C?

Tanto negli agrumi, ovviamente, e nei kiwi, ma anche nei peperoni, nei cavolfiori, nell’ortica, nei ravanelli, nei broccoli, negli spinaci, nei cavolini di bruxelles, negli asparagi e anche nelle fave; pero’ bisogna fare attenzione a non cuocerli troppo questi cibi perche’ la cottura lunga disperde la Vitamina C.

Spesso parlando di Vitamina C immaginiamo gli agrumi, quindi limoni, arance e pompelmi; sono quelli che effettivamente ne hanno una quantita’ maggiore al loro interno.

La Vitamina C come sostanza chimica si chiama Acido L-Ascorbico e questo nome un po’ particolare risale a tanto tempo fa: ai tempi in cui c’era lo Scorbuto.

Lo Scorbuto e’ una malattia molto grave; bassi livelli di Vitamina C potevano determinare questa condizione che causa sintomi come eruzioni cutanee, debolezza muscolare, dolore articolare, stanchezza e perfino la perdita dei denti.

Era assolutamente una piaga per i lunghi viaggi per mare.

I marinai si sono accorti che lo Scorbuto poteva essere prevenuto assumendo la Vitamina C, quindi hanno iniziato a portare sulle navi limoni e agrumi e in questo modo sono riusciti ad evitare la malattia.

Quindi l’Acido Ascorbico alla fine deriva il nome dalla malattia dello Scorbuto che poteva essere evitata prendendo molta Vitamina C.

C’e’ una curiosita’: l’uomo e’ praticamente l’unico animale al mondo che non puo’ produrre da solo la Vitamina C, ma la deve prendere dal mondo esterno.

Ci sono pochi altri animali che hanno questo problema: per esempio il bulbul, che e’ un pipistrello indiano, la scimmia, il gorilla e il porcellino d’india; per tutti questi animali, e anche per noi, bisogna assolutamente assumere la Vitamina C dai cibi, dall’alimentazione.

Come e’ successo che alcuni animali hanno perso la capacita’ di produrre la Vitamina C da soli?

Questa perdita si’ e’ presentata in un animale che viveva sugli alberi in un ambiente tropicale o semi-tropicale dove c’erano disponibili tutto l’anno molti cibi che avevano all’interno questo Acido Ascorbico.

La dieta quindi di questo animale che stava sugli alberi, probabilmente una scimmia, era quindi sufficiente per far si’ che l’Acido Ascorbico arrivasse dall’esterno invece di essere sintetizzato, per esempio nel fegato, come era prima.

Un ricercatore nel 1944 ha dimostrato che un gorilla odierno, vivendo nel suo habitat naturale, riesce ad assumere quattro-cinque grammi di Acido Ascorbico ogni giorno dal cibo.

La Vitamina C e’ molto importante perche’ e’ coinvolta in tantissime reazioni metaboliche; per esempio e’ coinvolta nella sintesi del Collagene e agisce come cofattore in molte reazioni enzimatiche.

Il Collagene abbiamo visto che e’ molto importante per creare questa matrice all’interno della pelle, quindi per fare si’ che non si formino le rughe, che la pelle rimanga liscia.

Il Collagene e’ indispensabile per produrre tessuto connettivo, quindi non solo la pelle, ma anche i vasi e le ossa e per la riparazione dei tessuti; quindi mantiene anche sani i capillari, le gengive e i denti.

La Vitamina C e’ importante nella cicatrizzazione delle ferite e nella regolazione dell’espressione genica; e’ importante anche perche’ accresce l’assorbimento del ferro, che e’ una cosa che deve mantenersi ad un certo livello perche’ per esempio i globuli rossi del sangue hanno al loro interno il ferro per poter trasportare l’ossigeno in giro per il corpo.

La Vitamina C e’ molto importante per prevenire e curare tutti questi disturbi tipici della stagione fredda perche’ riesce a potenziare il sistema immunitario; ha anche un’azione antiossidante, quindi contrasta l’attivita’ dei radicali liberi e ritarda quindi l’invecchiamento cellulare, mantiene giovani i tessuti e agisce nella rigenerazione di altri antiossidanti, come la Vitamina E.

Essa stessa ha dei forti poteri antiossidanti, quindi aumenta per questo motivo le barriere del sistema immunitario e aiuta l’organismo a prevenire il rischio di tumori, soprattutto allo stomaco, perche’ inibisce la sintesi di sostanze cancerogene.

Come dicevamo ha attivita’ sul ferro e quindi riesce a contribuire alla produzione dei globuli rossi nel midollo osseo; e’ essenziale per assorbire anche altre sostanze nutritive come il ferro, l’Acido folico e la Vitamina E.

E’ utile per il metabolismo di alcuni amminoacidi tra cui la Fenilalanina e la Tirosina.

Oltretutto la Vitamina C e’ molto importante per l’utilizzo dei carboidrati, per la sintesi dei grassi e delle proteine, ed e’ indispensabile in periodi in cui abbiamo degli impegni gravosi perche’ aiuta a regolare il funzionamento del sistema nervoso e quindi riduce anche la sensazione di stanchezza e di affaticamento.

L’assorbimento della Vitamina C, quando viene presa per bocca, avviene nell’intestino tenue; tuttavia li’ pero’ si riesce ad assorbirne solo una quantita’ limitata: se non e’ utilizzata subito la Vitamina C viene eliminata con le urine e quindi in realta’ bisogna stare attenti perche’ se ne assumi troppa magari la buona parte poi non finisce in circolo.

Ci sono sostanze che riducono i livelli di Vitamina C e ne limitano l’assorbimento e queste sono il fumo, l’alcol, il caffe’, l’inquinamento, lo stress e anche una grande attivita’ fisica.

Come dicevamo la Vitamina C puo’ essere assunta dall’alimentazione, per esempio non soltanto dagli agrumi, ma anche da mirtilli, kiwi, prezzemolo, broccoli, fragole, pomodori, uva e cosi’ via; oppure puo’ essere utilizzata come effetto antiage sulla pelle con un’applicazione locale (si dice “applicazione topica”), cioe’ fatta proprio sulla pelle stessa.

In questo caso la Vitamina C viene utilizzata per fare delle creme, dei sieri, delle maschere e dei gel che hanno un’azione antiossidante, antiage.

Questo perche’ e’ importante?

Perche’ non tutta la Vitamina C che assumiamo per bocca riesce poi ad arrivare alla pelle.

Da diverse ricerche si e’ visto che la Vitamina C in forma di creme o sieri e’ importante per l’antiinvecchiamento della pelle, quindi va applicata come crema.

Cosa fa come effetto?

Mantiene la pelle sana e luminosa e la protegge dalle aggressioni esterne.

In molte formulazioni, specie per prodotti antiage, per l’antiinvecchiamento, alla Vitamina C viene aggiunta la Quercetina, che e’ un bioflavonoide, praticamente un pigmento, una cosa che da’ del colore; ha attivita’ antiossidante ed e’ presente in molti tipi di frutti e verdure.

Questa Quercetina favorisce la rigenerazione e la riattivazione della Vitamina C.

Oltretutto i bioflavonoidi sono composti che hanno una importante azione vasoprotettrice, che protegge il sistema cardiocircolatorio, quindi potenziandone poi l’azione antiossidante favoriscono un’attivita’ protettiva della Vitamina C contro il danno ossidativo dato dai radicali liberi.

La Vitamina C puo’ essere carente se non si mangia abbastanza frutta e verdura fresche; se non se ne assume abbastanza gli effetti che si hanno sono anche di stanchezza, debolezza, irritabilita’ e, come abbiamo visto, nei casi piu’ estremi lo Scorbuto.

Quando si possono prendere integratori di Vitamina C?

Praticamente in qualsiasi momento della giornata.

Si possono prendere a digiuno o a stomaco pieno; se la dose e’ superiore a cinquecento milligrammi e’ meglio suddividerla in piu’ assunzioni durante la giornata.

Potrebbe essere sconsigliato assumere integratori di Vitamina C per chi ha dei problemi come la emocromatosi, che e’ la malattia di chi ha un eccesso di ferro, perche’ l’Acido Ascorbico puo’ aumentare l’assorbimento intestinale del ferro stesso e quindi crea dei problemi.

Il vero fabbisogno giornaliero e’ stato stabilito attorno ai cento milligrammi al giorno e in teoria con due limoni spremuti, bevendone il succo, possono essere sufficienti per avere questa quantita’ giornaliera.

Se uno fuma o se si sente stanco, stressato o non ne consuma mai di frutta e verdura ad ogni pasto, e’ possibilissimo aumentare la dose e praticamente il livello eccessivo e’ molto piu’ in la’ perche’ non c’e’ un vero e proprio livello massimo, diciamo che viene considerata potenzialmente tossica se se ne prendono piu’ di due grammi al giorno, ma di solito fino a due grammi al giorno non e’ tossica per gli adulti sani.

Le dosi piu’ elevate possono causare nausea o diarrea e possono interferire con l’equilibrio dell’attivita’ antiossidante dell’organismo.

Ricorda che la medicina ufficiale e’ importante e vanno seguite le indicazioni dei medici abilitati.

Non diciamo che queste cose si vanno a sostituire ad una vita sana, a una dieta equilibrata e al fatto di andare a farsi controllare tutte le volte che serve e assumere tutti i medicinali che ci vengono prescritti.

Questi sono potenziamenti che ci fanno rimanere operativi, lucidi e in grado di goderci la vita.

Iscrivendosi alla pagina (e mettendo un ‘mi piace’) si resterà aggiornati su tutte le tecnologie di estensione vitale e inversione dell’invecchiamento in sviluppo o già disponibili nel mondo, tramite articoli e video tradotti in italiano.

Registrati sul sito per ricevere automaticamente tutti gli aggiornamenti del Movimento rilevanti per la tua vita estesa e la tua salute potenziata:

Rimani sempre aggiornato anche con il nostro canale telegram, basta un click qui:

https://t.me/vitaestensione

Segui gratuitamente tutti gli episodi anche solo ascoltandoli sul podcast del Movimento Estensione Vita

su Apple:

https://podcasts.apple.com/us/podcast/movimento-estensione-vita/id1567804669

su Spotify:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

15 + 13 =